• Giulio Gallera

Bilancio Regione Lombardia, approvata la manovra finanziaria


BILANCIO LOMBARDIA, GALLERA (FI): UNA MANOVRA CHE FAVORISCE LO SVILUPPO, SOSTIENE I PIU’ FRAGILI CON NUOVE RISORSE E RAFFORZA IL RUOLO DEI COMUNI PER REALIZZARE OPERE SUL TERRITORIO


UN MILIARDO IN PIU’ PER IL “PIANO LOMBARDIA”: DA INVESTIMENTI PUBBLICI EFFETTO MOLTIPLICATORE SULL’ECONOMIA


“Sono soddisfatto, abbiamo approvato una manovra di Bilancio molto importante che favorisce la ripresa e lo sviluppo, sostiene i più fragili attraverso lo stanziamento di nuove risorse. La nostra Regione si caratterizza ancora una volta per non aver aumentato le tasse, per una gestione oculata e prudenziale delle risorse di spesa corrente ed un utilizzo efficace ed efficiente delle risorse in conto capitale destinate a opere pubbliche. Elementi, questi, certificati dall’agenzia internazionale Moody’s che ha assegnato alla Lombardia un rating superiore rispetto a quello dello Stato”.


Lo afferma il Presidente della I Commissione “Programmazione e Bilancio” Giulio Gallera (FI), Relatore dei provvedimenti finanziari approvati oggi del Consiglio Regionale.


“La manovra colloca un miliardo aggiuntivo nel biennio 2022/2023 sul Piano Lombardia – continua Giulio Gallera – confermando una forte propensione agli investimenti pubblici.


Abbiamo garantito nuove risorse per i Comuni lombardi rafforzando il loro ruolo all’interno delle rispettive comunità territoriali. L’apertura dei cantieri genera un effetto moltiplicatore importante sull’economia, a beneficio delle piccole e medie imprese che eseguono i lavori e degli stessi cittadini che possono contare su opere pubbliche nuove o rinnovate.


Al contempo, attraverso il documento Collegato alla manovra, abbiamo introdotto nuove misure di sburocratizzazione e semplificazione degli adempimenti per le imprese lombarde”.


“Infine, da Relatore, rivolgo un ringraziamento particolare a tutte le forze politiche - conclude Gallera – che, in un clima di leale collaborazione e non di sterile contrapposizione, hanno garantito un apporto importante per lo svolgimento dei lavori d’Aula”.