Il Governo nazionale ha gestito in modo totalmente INADEGUATO E INEFFICACE la partita della candidatura di Ema a Milano. Non è stato in grado di evidenziare che noi eravamo l’unica destinazione in grado di offrire una capacità di accoglienza immediata all’Agenzia del farmaco. Questa è l’unica, amara,constatazione che si può fare all’indomani delle
dichiarazioni del direttore esecutivo di Ema sul ritardo della capitale Olandese a realizzare la sede che la ospiterà.


Spero davvero che in zona Cesarini possa esserci una nuova chance per Milano. Resta però la rabbia per la sottovalutazione con cui il Governo ha gestito la partita più importante per Milano, la Lombardia e l’intero Paese, mandando a dirigerla un Sottosegretario, anziché il Presidente del Consiglio!